Polizia organizza incontro a scuola contro la violenza sulle donne

 

Campagna d’informazione organizzato dalla polizia domani e venerdì ìncontro la violenza sulle donne al liceo Galileo Galileo di Catania. 

VIOLENZA-2017-1-640x357

Anche se l’occasione è quella della “Giornata della Donna”, la Polizia di Stato è
permanentemente impegnata nella lotta contro la violenza sulle donne e la campagna
Questo non è Amore“.
Torna puntualmente sulle strade delle città italiane per una capillare attività d’informazione sui metodi di prevenzione e sulle misure da adottare per sottrarsi
agli effetti di questo triste fenomeno.
Nell’ambito di tale progetto, il Camper attrezzato della Questura di Catania farà
sosta, nelle giornate dell’8 e del 9 marzo, nei plessi centrale e succursale del Liceo
scientifico Statale Galileo Galilei di Catania.
Il Vice Questore Aggiunto Della Divisione Anticrimine Giuseppina Neri, il
Medico Capo della Polizia di Stato Silvia Macauda e gli agenti della Questura,
illustreranno quelli che possono essere considerati i “segni premonitori” di quell’indole
violenta, ossessiva e prevaricatrice che, sempre più spesso, sfociano in irrimediabili
tragedie.
Non meno importanti, gli strumenti messi a disposizione dalla vigente normativa per
la protezione e la tutela delle vittime che, grazie all’attività dell’Ufficio istituito presso la
Divisione Polizia Anticrimine, in sinergia con gli Uffici Denunce degli Uffici periferici della Questura, garantiscono la massima sicurezza delle donne che essendo state vittime di atti di violenza – si rivolgono alla Polizia di Stato.
Quello degli uomini e delle donne della Polizia è, quindi, un impegno costante e un modo di essere al fianco di chi, troppo spesso, è costretto a subire maltrattamenti fisici e psicologici. È un primo passo verso la consapevolezza che rinunciare persino ai più elementari diritti non può essere il prezzo da pagare per mantenere in vita una relazione. È il messaggio che parla alle donne di ogni età: quando entra in gioco la violenza. Questo non è amore. Non più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *