Lo spettacolo “Aliano ’35” al Teatro Furio Camillo di Roma

Il 23 febbraio andrà in scena lo spettacolo “Aliano ’35” della compagnia Teatro Macondo, liberamente tratto dal libro di Carlo Levi “Cristo di è fermato a Eboli”

Aliano35

Cristo si è fermato a Eboli è un libro fondamentale della letteratura italiana del Novecento. Scritto nel ’44 nel chiuso di una stanza in una Firenze stretta nella morsa tra i Tedeschi in ritirata e gli Alleati, uscito nel ’45, si distingue dai testi a lui contemporanei (per lo più letteratura della Resistenza o scritti sulla guerra) per l’ambientazione meridionale, lontana, quasi esotica. È la storia autobiografica di Carlo Levi, confinato per motivi politici nel profondo sud. Intellettuale, artista, medico, Levi si ritrova isolato in una terra fuori dal tempo, distante da tutto ciò che egli, cittadino e settentrionale, ha conosciuto e frequentato. Quel che ne nasce è il confronto tra due civiltà che, guardandosi con curiosità e umanità, riescono a dialogare e a interagire, fino a creare un rapporto di stima e affetto reciproci.

In “Aliano ‘35” ci troviamo nello studio romano di Carlo Levi, tra cavalletti e quadri, fogli e pennelli. Siamo all’antivigilia di Natale del 1974, giorno in cui Levi entrerà in coma per poi morire il 4 gennaio. È in questo limbo tra la vita e la morte che allo scrittore appaiono i vari personaggi da lui incontrati ad Aliano quarant’anni prima. Ecco Mario, il becchino-banditore-incantatore di lupi, ecco il podestà Magalone, i contadini, e Giulia, la donna di servizio, la strega. Come fantasmi del passato, essi appaiono, scompaiono, dialogano con Levi e gli fanno tornare alla memoria episodi e situazioni del suo anno da confinato, il ’35. Lo rimproverano di essersene andato, di non essere tornato. E così, loro che sono ormai morti, ne sono venuti a reclamare la presenza, sono venuti a chiamarlo, per farlo restare con loro, stavolta per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *