Rugby: Italia U20, i convocati per le prime due giornate del Torneo

Fabio Roselli e Andrea Moretti hanno ufficializzato la lista degli Azzurrini convocati per i primi due turni del 6 Nazioni 2018 di categoria

1

Fabio Roselli e Andrea Moretti hanno ufficializzato la lista degli Azzurrini convocati per i primi due turni del 6 Nazioni 2018 di categoria.

Sono ventiquattro gli atleti che si ritroveranno a Gorizia, il prossimo 28 gennaio, per preparare l’esordio nel Torneo contro i pari età dell’Inghilterra, match in programma nella cittadina friulana sabato 2 febbraio allo Stadio Enzo Bearzot, con calcio d’inizio ore 19.00.

Una settimana dopo gli Azzurrini scenderanno in campo al Donnybrook di Dublino per affrontare l’Irlanda (sabato 9 febbraio, 19.15 locali). 

Dalle indicazioni che abbiamo avuto nei raduni svolti dall’inizio della stagione ad oggi e dall’allenamento congiunto contro la Francia – ha dichiarato il responsabile tecnico dell’Italia U20, Fabio Roselli – pensiamo che questo gruppo abbia le potenzialità per confermare e migliorare quanto fatto da quello che lo ha preceduto”.

Gli Azzurrini ripartono, infatti, dall’ottavo posto iridato conquistato nella passata stagione: “Migliorare i risultati rispetto al 2017 è il nostro obiettivo: non è facile, ma l’atteggiamento della squadra, la capacità di rispondere all’offerta tecnica loro proposta, sino a questo momento è stato ottimale” ha aggiunto Roselli.

Al primo anno sulla panchina dell’Italia U20, in coppia con Andrea Moretti, l’ex ala romana dell’Italia debutterà come capo allenatore degli Azzurrini contro i dominatori dell’edizione 2017 – chiusa dagli inglesi con il titolo e il Grande Slam – e vice-campioni del mondo di categoria: “L’Inghilterra è la fotocopia della squadra seniores, stiamo preparando la partita per annullare per quanto possibile i loro punti di forza e imporre i nostri, aggiungendo un poco di imprevedibilità al nostro gioco”.

L’allenamento congiunto con i francesi ha dato indicazioni importanti ed ha insegnato molto alla squadra. Volevamo un’intensità difensiva adeguata, la abbiamo avuta per quasi tutta la gara: due cali di tensione, due mete che hanno deciso le sorti della partita. Una buona lezione di quel che ci aspetta nel 6 Nazioni che sta per cominciare”.

All’appello manca qualche possibile titolare, ma Roselli preferisce concentrarsi su chi ha meritato la selezione: “Gli infortuni fanno parte dello sport, noi abbiamo lavorato per allargare il gruppo. Abbiamo una rosa di atleti stabile ed equilibrata, che ha voglia di lavorare e crescere. Magari ci vorrà un po’ di tempo, ma i risultati non arrivano per caso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *