R.I.P. Johnny Hallyday icona della musica, del cinema e dell’amore

Johnny Hallyday è morto, aveva 74 anni. L’artista francese lottava da mesi contro un tumore ai polmoni. Nelle ultime settimane le sue condizioni si erano aggravate e aveva deciso di lasciare la clinica per rientrare nella sua casa di Parigi dove è deceduto nella notte fra martedì su mercoledì.

johnny-hallyday3

Si è spento nella notte di mercoledì 6 dicembre Jean-Philippe Smet, in arte Johnny Hallyday, una delle voci storiche più importanti del rock francese.

Johnny Hallyday era stato ricoverato nella giornata di venerdì 17 novembre, presso una clinica privata di Parigi per problemi respiratori connessi a una forma tumorale ai polmoni contro la quale stava lottando da molto tempo. Il cantante aveva reso nota la sua malattia attraverso un comunicato ufficiale diffuso nel mese di marzo.

Ad annunciare la morte del rocker francese è la moglie Laeticia Hallyday, che in un comunicato diffuso ai media dichiara: “Johnny Hallyday ci ha lasciato, scrivo queste parole senza crederci. Ma è vero. Il mio uomo non è più con noi. Ci ha lasciato stasera dopo aver vissuto tutta la sua vita con coraggio e dignità”

Johnny Hallyday e la moglie Sylvie Vartan all'aeroporto di Teheran, Iran, 3 gennaio 1967, dove si trovava per un tour (AP Photo/Micol)

Amava le donne (bionde), la musica il cinema e le moto. Con le sue donne ha diviso passioni e litigi sfrenati, incidenti in moto (con Sylvie, rimasta sfregiata), tentativi di suicidio, problemi di droga (e di tasse non pagate), figli: David, Laura, due bambine thailandesi adottate con l’ultima moglie, la giovane e bellssima Laeticia.

Johnny Hallyday era figlio di una francese e di un belga, nato a Parigi il 15 giugno 1943, cresciuto con la zia Helene a Parigi, quando i genitori divorziarono.

A 11 anni, Jean-Philippe entra a far parte dei Les Hallydays, con lo zio e le cugine.

Nel 1955 ha una microparte in I diabolici, uno dei film più elegantemente noir di sempre.

Al cinema ha lavorato con Jean-Luc Godard e Costa GavrasRivaleggiato da lontano con Alain Delon e Jean Paul Belmondo e ancora con Charles Aznavour e Jean Reno.

Ha preso parte a Gli specialisti (1969), Détective (1985), L’uomo del treno (2002) e Vendicami di Johnny To (2009).

Gli ultimi film hanno titoli e storie che sembrano davvero il finale dello show: Parliamo delle mie donneRock’n Roll e, soprattutto, Chacun sa vie di Claude Lelouch, uscito l’estate scorsa.

Johnny Hallyday al festival di Cannes per Vengeance, 17 maggio 2009 (AP Photo/Francois Mori)

Johnny Hallyday durante la sua lunga carriera ha duettato anche con alcuni artisti italiani, come Laura Pausini e Zucchero. La cantante italiana lo ha ricordato sui propri social network ufficiali condividendo il brano “Come il sole all’improvviso”, cantato assieme allo scomparso artista francese, si legge nel post: “Sono davvero dispiaciuta per la scomparsa dell’icona della musica francese Johnny Hallyday. Ho potuto cantare con lui nel brano “Come Il Sole All’improvviso” presente nel mio album “Io canto” e sono stata al suo fianco in uno dei suoi concerti più importanti al Paris Bercy. Un abbraccio alla famiglia e a tutti i suoi fan. Con tutto il mio cuore, Laura

Anche il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha speso parole d’affetto nei confronti di Johnny Hallyday: “Ha portato una parte dell’America nel nostro pantheon nazionale, tutti abbiamo qualcosa di Johnny Hallyday dentro di noi. Una sincerità e autenticità che hanno tenuto viva la fiamma che ha acceso nel cuore del pubblico”. 

Johnny Hallyday in concerto a Montreal, in Canada, 4 ottobre 2012 (ROGERIO BARBOSA/AFP/Getty Images)

Dopo che Hallyday scopre e rimane impressionato da Elvis Presley, decide di voler diventare un cantante rock: la sua carriera inizia così nel 1959 raggiungendo il grande successo quando – grazie all’apparizione allo show televisivo “Paris Cocktail” – riesce ad ottenere un contratto con l’etichetta francese Vogue con la quale pubblica il suo primo singolo “Laisse les filles”. Il suo primo album, “Hello Johnny”, fu pubblicato nel 1960 e nel 1961 la sua cover di “Let’s Twist Again” ha venduto oltre un milione di copie.

Johnny Hallyday è stato il principale pioniere del rock in Francia, sebbene poco conosciuto dal pubblico al di fuori del suo paese, Hallyday ha venduto circa 100 milioni di dischi, dominando la scena rock francese per cinquant’anni.

Johnny Hallyday in concerto a Barcellona, 8 marzo 2016 (EFE/Andreu Dalmau)

Il musicista francese ha continuato a pubblicare album fino ai primi anni 2000, incluso uno con una traccia scritta per lui da Bono degli U2, “I Am the Blues”. Hallyday ha annunciato nel 2009 il suo tour d’addio che si è concluso con un imponente spettacolo gratuito ai piedi della Torre Eiffel davanti a 800.000 persone, pochi mesi prima di subire un intervento chirurgico per un cancro al colon.

Nonostante i diversi problemi di salute nel corso degli anni, Hallyday ha fatto un mini tour negli Stati Uniti nel 2012. Il 15 giugno del 2013 ha festeggiato il suo 70esimo compleanno in un concerto tenutosi al Palais Ominsports de Paris-Bercy, raccontato in un album live pubblicato a novembre di quell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *