Julio Cesar annuncia in lacrime il suo addio al calcio

L'ex portiere dell'Inter rescinde col Benfica e dà l’addio al calcio giocato: tra i ricordi più importanti il fantastico 'triplete' vinto in nerazzurro 

20171128163926

I tifosi lo ricorderanno come l’eroe del 'triplete' dell'Inter. Dopo Andrea Pirlo un altro grande del calcio milanese, stavolta sponda interista, lascia il calcio giocato. È Julio Cesar a dire basta, a chiudere in lacrime una carriera ricca di soddisfazioni e successi. Lo fa tra le file del Benfica, sua attuale squadra, con un lungo discorso ai suoi compagni. Emotivo, tanto, troppo e con le lacrime agli occhi, come quando salutò San Siro piangendo. Adesso invece il portiere brasiliano dice definitivamente addio al calcio giocato a 38 anni salutando anticipatamente il club portoghese, con il quale aveva un contratto fino al termine della stagione. Con appena quattro presenze stagionali, l'ex Inter era stato messo sempre più ai confini del progetto sportivo della squadra portoghese, diventato addirittura il terzo portiere del club, dopo le imprese ne hanno segnato la carriera sportiva. Prima la risoluzione, poi l'addio ai portoghesi e, infine, la decisione di ritirarsi in un susseguirsi impetuoso di vicende sportive hanno portato alla triste decisione del portierone.

julio-cesar-benfica_113d08t2zcuu71hdu19efpezbk

Se pensi a Julio Cesar immediatamente, ti rievoca alla mente il 'triplete' del 2010. All'Inter, di sogni ne ha fatti vivere tanti, una carriera coronata di successi con ben cinque scudetti vinti, tre Coppe Italia, quattro Supercoppe e una Coppa Intercontinentale. Poi, ovviamente, la Champions League alzata al cielo di Madrid dopo le decisive parate, al Camp Nou contro il Barcellona in semifinale. In Italia arrivò al club milanese che lo dirottò in prestito al Chievo, dove praticamente non giocò mai. Ma quando fece rientro ai nerazzurri Julio dimostrò subito di essere un portiere affidabile, togliendo il posto a Toldo e diventando un punto fermo dell'Inter di Mancini e di Mourinho. L'addio arrivò a maggio 2012, quando in lacrime salutò San Siro dopo 300 partite giocate tra i pali della porta nerazzurra. Julio Cesar proseguì poi in Inghilterra, al QPR, per poi andare in Canada, al Toronto e successivamente le tre stagioni al Benfica, dove ha vinto tre campionati, oltre ad un Coppa ed una Supercoppa. Successi ai quali, ovviamente, vanno aggiunti quelli in Nazionale: la Supercoppa del 2004 e le due Confederations Cup vinte nel 2009 e nel 2013.

lacrime-kPmG--896x504@Gazzetta-Web

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *