La Seleco Nuoto Catania ha battuto la Reale Mutua Torino ’81 per 13-10

Un successo cercato e voluto, tre punti fondamentali che lanciano la Nuoto Catania lontano dalla zona calda e fanno ben sperare per un mese di scontri decisivi

NC

Un successo cercato e voluto, tre punti fondamentali che lanciano la Nuoto Catania lontano dalla zona calda e fanno ben sperare per un mese di scontri decisivi. I padroni di casa sconfiggono di forza i piemontesi della Reale Mutua grazie ad un inizio di primo quarto perfetto, in cui, grazie ad una difesa perfetta ed un attacco abile a sfruttare tutte le occasioni, allungano fino al 5-0.

Da quel momento il limite di continuità già palesato nelle precedenti uscite, lascia spazio ad una Torino più determinata e concentrata che rientra sul 5-3 in chiusura del primo parziale. Ancora una rete di Danilovic apre le marcature e un nuovo strappo nel secondo quarto, con Torrisi Giorgio che riporta a cinque le marcature di vantaggio per l’8-3 a 5:36. Ancora una volta, però,  l’attacco della Nuoto Catania si inceppa sul più bello, fallendo numerose opportunità anche in superiorità numerica e subendo le reti di De Souza prima e Presciutti poi. L’equilibrio raggiunto viene mantenuto anche nei successivi due quarti, con Catania sempre abile ad allungare ma con Torino mai doma nonostante le uscite per limite di falli di Vuksanovic e Maffè. L’espulsione diretta di Pavlovic nell’ultimo quarto arriva con l’incontro già deciso e le ultime reti di Garrufi servono solo per le statistiche e fissare il punteggio sul 13-10 finale.

“Era una partita cruciale – spiega il tecnico Giuseppe Dato – era fondamentale vincere oggi in questo scontro diretto. In generale abbiamo fatto abbastanza bene, potevamo sicuramente subire qualche gol in meno, ma nel complesso sono soddisfatto. Ci dimentichiamo spesso di essere in A1, dobbiamo limitare le pause contro avversari che hanno qualità importanti e possono punirci in qualsiasi momento”. Anche il capitano Nenad Kacar è convinto che il primo obiettivo sia raggiungere la continuità di rendimento durante l’incontro: “Simo partiti bene, ma dopo il 5-0 abbiamo avuto 2 o 3 distrazioni. Così facendo abbiamo tenuto in partita gli avversari con i nostri errori, da cui purtroppo veniamo puniti subito. Dobbiamo lavorare sulla concentrazione, spero già di migliorare dalla prossima partita”.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *