Qui si fa l’Italia o si muore: il crocevia mondiale

Dopo la sconfitta in Svezia nell’andata dello spareggio di qualificazione per il Mondiale, la Nazionale azzurra deve necessariamente provare a ribaltare il risultato per staccare il pass della competizione

svezia-italia-convocati-nazionale-azzurri-probabili-formazioni-data-e-orari-tv-playoff-mondiali-2017

Pochi giri di parole, poche scuse e alibi, l’Italia ha solo un risultato: vincere. In Svezia la sfortuna e “la malizia” dei padroni di casa ha avuto la meglio, regalando un risultato davvero utile alla nazionale nordica che scenderà in campo a San Siro con due risultati utili sui tre a disposizione per centrare la qualificazione. Sembrerebbe essere uno dei momenti più tristi e difficile per i colori azzurri che, undici anni dopo la vittoria della competizione, ora rischiano addirittura di non qualificarsi.

RICORDI AMARI È dal 1958 che l’Italia non partecipa ad un Mondiale. Da allora due sono stati vinti (1982 e 2006), due persi in finale (1970 e 1994), mentre gli ultimi due (quelli in Sud Africa e Brasile) sono tristemente terminati nelle prime battute della competizione. Un dato preoccupante che spiega forse anche il momento che vive la Nazionale, sempre più bisognosa di un ricambio generazionale che sembra ancora distante e soprattutto non all’altezza della storia di questi colori, complici anche lo scorso minutaggio dei giovani calciatori del nostro paese nel campionato di serie A.

FUTURO Che ne sarà degli azzurri? Il campo darà le sue risposte. Ventura non ha convinto, sia come gioco sia come presa sullo spogliatoio. Non tutte le colpe sono attribuibili, ovviamente, all’ex tecnico del Torino. Come detto i vecchi “pilastri” della Nazionale iniziano a scricchiolare, complice l’età, e i “nuovi” non sembrano ancora pronti per la svolta. Difficile dire che ne sarà di questa Nazionale qualora dovesse arrivare la qualificazione e cosa verrà dopo. La speranza è che possa esserci un moto d’orgoglio che spinga gli azzurri a colmare con il cuore l’evidente – ad oggi – gap tecnico con altre Nazionali apparentemente meglio attrezzate. E se l’Italia non dovesse qualificarsi? Difficile dirlo, una prospettiva che sarebbe veramente ingloriosa per tutto il movimento calcistico del nostro paese.

TEMPIO San Siro sarà teatro dell’ “all-in” azzurro Sarà la 57esima gara della Nazionale tra le mura dello stadio milanese, in cui gli azzurri hanno raccolto 37 successi (66%). C’è, tra questi, anche un precedente contro la Nazionale scandinava: un Italia-Svezia terminato con il punteggio di 3-0 il 9 ottobre 1971. L’ultimo spareggio azzurro invece risale al 15 novembre 1997 quando, a Napoli, la Nazionale di Cesare Maldini riuscì a staccare il pass per Francia ’98 superando la Russia grazie ad una rete di Casiraghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *