Telstar 18: presentato il pallone per Russia 2018

Ogni quattro anni il famoso brand Adidas ci mette la faccia…anzi il pallone, per permettere alle Nazionali di disputare al meglio il Mondiale di calcio

1

Presentato il nuovo pallone per i mondiali di Russia della prossima estate, i quali vedranno le migliori trentadue Nazionali da ogni parte del mondo pronte a darsi battaglia per cucire al petto la stellina d’oro a luglio del 2018.

Telstar 18 è il nome della nuova sfera che debutterà sui terreni di gioco a giugno dell’anno prossimo con la Russia (Nazione ospitante) che, darà il primo calcio alla nuova sfera Adidas.

2

Molte i palloni ricordati, soprattutto dagli appassionati di calcio. Molti italiani, per esempio, non dimenticheranno mai il “Tango”, la sfera che consentì, l’11 luglio del 1982, a Zoff e compagni di alzare al cielo di Madrid il terzo titolo mondiale, in una partita dominata dalla brigata azzurra di Enzo Bearzot ai danni della Germania per 3-1. 

Fra i palloni “più giovani”, sempre i tifosi azzurri non possono scordare il “+Teamgeist”, il pallone che consentì alla squadra di Marcello Lippi, nel 2006, di cucire la quarta stellina sulla divisa della nostra nazionale.

I Brasiliani, invece, non possono dimenticare il “Fevernova”, con il quale vinsero il mondiale del 2002 fra Giappone e Corea del Sud in finale con la Germania per 2-0, con entrambe le reti messe a segno dal “fenomeno” Ronaldo.

Impresso nelle menti degli spagnoli c’è ancor oggi lo “Jabulani”, che accompagno la “brigata rossa” di Vincente del Bosque al primo titolo mondiale in Sudafrica nel 2010. Pallone che a causa della sua aerodinamica, creò molti problemi soprattutto ai portieri che lo contestarono anche in modo acceso. Fra questi Gigi Buffon, Iker Casillas, Julio Cesar e Claudi Bravo, che indicarono questo pallone come un qualcosa di davvero scadente. Alla fine non vennero attuate modifiche alla sfera del mondiale in Sudafrica, visto che l’Adidas, aveva rispettato, nel realizzarlo, tutti i parametri della Fifa.

Ultimo, anche se son già passati tre anni, è stato il “Brazuca”, il pallone di Brasile 2014, che consentì alla Germania di tornare sul tetto del mondo a 24 anni di distanza dall’ultimo titolo vinto (ovvero, Italia 1990). Mondiale, quello in Brasile, che molti ricordano soprattutto per l’umiliazione dei padroni di casa, eliminati in semifinale, proprio dai tedeschi per 7-1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *