Inaugurata ufficialmente ICIAP 2017

 La Conferenza Internazionale sta confermando quanto gli studi del settore siano utili alla societa’ odierna. Pubblica sicurezza, ambito forense, biomedicale, sono solo alcune delle aree di applicazione. L’Automotive e’ il settore emergente

Battiato-Gallo-Stanco

Dopo gli eventi satellite di lunedì e martedì, la conferenza internazionale biennale dedicata al settore  “analisi ed elaborazioni delle immagini e dei video digitali” ha aperto i battenti questa mattina con le prime sessioni  della main conference in programma sino a venerdì 15 settembre presso il Monastero dei Benedettini di Catania.

All’apertura ufficiale di stamani sono interventi: gli organizzatori, i docenti del Dipartimento di Informatica e Matematica, Sebastiano Battiato e Giovanni Gallo  (nel ruolo di General Chair),  il prof. Filippo Stanco e il collega milanese Raimondo Schettini (nel ruolo di Program Chair). Il presidente del GIRPR, Gruppo Italiano Ricercatori  in Pattern Recognition, Rita Cucchiara; il direttore del dipartimento di Scienze Umanistiche, la prof.ssa Maria Caterina Paino che ha voluto dare il suo personale benvenuto alla platea internazionale composta da 200 scienziati, fra studenti, professori e tecnici, provenienti da tutto il mondo.

conferenza inaugurale

Speaker della giornata il prof. Niculae Sebe dell’Università di Trento, che ha presentato i risultati più recenti nell’ambito dell’analisi di comportamenti sociali di soggetti e/o gruppi di persone da riprese video. Queste ricerche trovano applicazione, ad esempio, nell’ambito della sicurezza urbana durante eventi di massa che coinvolgono migliaia di persone. L’obiettivo della comunità scientifica è quello di fornire alle istituzioni pubbliche/private telecamere “intelligenti” che, captando movimenti anomali, consentano di prevenire incidenti.

Niculae Sebe

Oggi è altresì intervenuto Roberto Scopigno, CNR Pisa, intervenuto su una delle tante aree di applicazione del settore, i Beni Culturali. Il prof. ha dato una panoramica delle tecnologie più innovative per il restauro, la conservazione e la fruizione del patrimonio artistico. Presentati alcuni progetti in cui, unendo scansioni a modelli virtuali, vengono ricostruiti degli ambienti a partire da immagini 2D di oggetti e/o siti archeologici di importanza mondiale.

“Iciap 2017 a Catania è la conferma – ha dichiarato Sebastiano Battiato – di quanto il nostro lavoro di studio e ricerca non sia solo teorico ma abbia numerose utilità ed applicazioni nell’ambito della società di oggi. Per esempio un settore emergente è quello automotive; le macchine del prossimo futuro saranno a guida autonoma e gli algoritmi di riconoscimento dovranno in tempo reale riconoscere situazioni di pericolo. E ancora, l’ambito medicale, con il supporto che oggi possono dare le moderne tecnologie di imaging rispetto alle diagnosi precoci di patologie importanti. In ambito forense possiamo citare come il riconoscimento automatico di volti di soggetti intenti in atti criminosi possa essere di sicuro aiuto alle Forze di polizie”.

“Siamo davvero orgogliosi – ha dichiarato Giovanni Gallo di avere portato, dopo alcuni tentativi, a Catania quello che dagli addetti ai lavori è considerato uno dei principali eventi internazionale sulla Computer Vision e sulle analisi delle immagini digitali. Si tratta di una bella opportunità per i nostri studenti e ricercatori”.

“Siamo lieti di ospitare questa conferenza  – ha affermato Maria Caterina Piano.   La decisione da parte degli organizzatori di tenere questo convegno ai Benedettini si sposa con gli obiettivi del nostro dipartimento, che ha sempre lavorato in una prospettiva multidisciplinare”.

Iciap 2017 proseguirà con un fitto programma di main conferenze e relativi speaker anche domani, giovedì 14 e venerdì 15 settembre. Domani mattina, la macro tematica oggetto del dibattito sarà: metodi per la ricostruzione di ambienti e di percorsi in ambienti tridimensionali a partire da immagini 2D con Daniel Cremers, Università di Munchen, DE; nel pomeriggio, dopo la seconda sessione interattiva, il prof. Alain Tremeau, Università di Jean Monnet , FR, terrà una lezione sui metodi per la comprensione automatica di scene attraverso la percezione del colore.

organizzatori e speaker

Infine venerdì il convegno verrà chiuso con l’intervento del prof. Fernando Perez-Gonzalez, Università di Vigo, ES, che illustrerà i più recenti risultati nell’ambito dell’Image Forensics.

Grande attesa per l’assegnazione dei due premi: Best Student Paper Award, intitolato allo studioso Eduardo Caianiello e il Best Paper Award. Il Comitato scientifico assegnerà il riconoscimento  alle migliori ricerche presentate durante la cinque giorni dell’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *