L’ingrediente segreto del “Brodo primordiale”

L’elemento chiave della zuppa di sostanze chimiche che diede il via alla vita sulla Terra potrebbe essere stato un addensante, che lasciò al materiale genetico il tempo di replicarsi.

846e9e121200617827adbb0cbaebedce

Il termine “Brodo primordiale”, riferito all’insieme di elementi chimici da cui ebbe origine la vita terrestre, è stato coniato un secolo fa. Da allora, come si fa con le migliori ricette, gli scienziati tentano di replicarne la formula in laboratorio per cercare di capire come RNA e DNA si siano formati.

Secondo un team di studiosi del Georgia Institute of Technology, l’ingrediente base della zuppa primordiale in grado di consentire ai geni primitivi di auto-duplicarsi potrebbe essere un addensante.

L’ipotesi è contenuta in uno studio pubblicato su Nature Chemistry, nell’ambito dell’Astrobiology Program della NASA.

effc9-cometa-elenin

Spiega Christine He, prima firmataria dello studio: “È un approccio differente da quello che è stato seguito finora. L’aggiunta di un solvente viscoso, un addensante, può aver modificato l’ambiente fisico primordiale”.

Secondo gli studiosi americani, l’ambiente viscoso permetterebbe, infatti, ai precursori degli acidi nucleici, le molecole dell’ereditarietà, d’interagire il tempo necessario al processo di duplicazione. Mantenendo, in particolare, separati, aperti i filamenti delle primitive doppie eliche. Un compito che, all’interno delle cellule, è normalmente svolto dagli enzimi.

“È un po’ come far nuotare i precursori del DNA nel miele – spiega con un esempio Martha Grover, una delle autrici della ricerca -. In una soluzione viscosa, infatti, i piccoli nucleotidi (i mattoni di base di DNA e RNA, ndr), che si muovono rapidamente, hanno il tempo d’interagire con i filamenti più lunghi. E di essere assemblati gli uni agli altri nel corso del processo di duplicazione. Negli esperimenti che abbiamo effettuato in laboratorio – conclude la studiosa – il processo funziona”.

Il passo successivo sarà individuare la natura chimica di queste molecole addensanti, capaci di rendere viscosa la soluzione in cui pescava quel miscuglio di composti che ha consentito alla vita di prendere il sopravvento, e di perpetuarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *