Al teatro con lo spettacolo “Le supplici” di Ovadia e Incudine

Il 16 agosto al Teatro Antico di Taormina e in replica il 17 agosto al Teatro Antico di Morgantina “Le supplici” diretto e interpretato da Moni Ovadia e Mario Incudine, raccontano il dramma delle Supplici di Eschilo. 

20645442_421671144895659_3600425296168894722_o

“Zeus, posa i to’ occhi ‘ncapu sta genti, ca supplicanti dumanna aiutu ppi non spusari l’omu parenti. Parti emigranti ppi n’autru statu…”. I versi in siciliano saranno eco nelle pietre millenarie di due dei più bei teatri di pietra siciliani, il 16 agosto al Teatro Antico di Taormina e in replica il 17 agosto al Teatro Antico di Morgantina. Le supplici, diretto e interpretato da Moni Ovadia e Mario Incudine, racconta il dramma delle Supplici di Eschilo. I due grandi interpreti sono partiti dall’idea di una tavolozza di suoni ed espressioni diverse, e sono approdati a una cantata di voci e musiche. Un cunto – dice Moni Ovadia- che declina la tragedia greca nei ritmi siciliani, intrecciandoli al greco moderno. D’altra parte Eschilo parla in questo lavoro di giovani migranti in fuga da una violenza, di richiesta di asilo, di accoglienza, di libertà. Quale lingua meglio del siciliano, così potente e profondo, oggi poteva raccontare questa storia? Moni Ovadia non ha avuto dubbi, ed insieme a Mario Incudine, talentuoso ed eclettico musicista ennese, ha adattato scenicamente con successo e maestria la nota tragedia di Eschilo.” È una tragedia proto–femminista – spiega Incudine – Le donne si ribellano al matrimonio combinato con i cugini e fuggono, ma il tema è soprattutto quello dell’accoglienza. Il re di Argo affida al voto democratico la decisione di aprirle le porte e quando il popolo dice sì, offre le proprie case alle profughe. Noi, invece, ci limitiamo a ospitare i migranti in strutture anonime e rare volte li accogliamo”. Una tragedia bagnata nel Mediterraneo, immersa nei problemi e nelle sonorità del Mare Nostrum che riproposta a Taormina e a Morgantina è un’occasione unica per apprezzarlo di nuovo o vederlo per la prima volta.

Incudine-Ovadia

 ANFITEATRO SICILIA è un progetto a cura della Fondazione Taormina Arte, frutto di una collaborazione tra l’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, l’Agenzia per la Coesione Territoriale, la Direzione Generale Cinema e SiciliaFilmCommission, nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *