Catania, Izco: dai consigli ad Esposito all’aneddoto di Lo Monaco, storia di un rossazzurro

  1. La presentazione del nuovo terzino rossazzurro ha fatto in modo che si tornasse a parlare di ex giocatore etneo che a Catania ha lasciato tanti bei ricordi

    FullSizeRender (4)

Una volta rossazzurri, per sempre rossazzurri. Chi ha vestito la maglia del Catania ha inevitabilmente lasciato un pezzo di cuore in Sicilia, complice anche il grandissimo affetto che i tifosi etnei provano e trasmettono per coloro che, impegnandosi e con sacrificio, hanno lottato o lottano con quei colori addosso tra le mura dello stadio ‘Angelo Massimino’.

Non potrebbe non essere così anche per Mariano Izco, uno che a Catania è arrivato da semi-sconosciuto fino a diventare ormai un calciatore che da diversi anni milita in pianta stabile in Serie A. In Sicilia il centrocampista ha vestito anche la fascia di capitano per molto tempo, creando un legame indissolubile sia con la società che con la piazza. Un legame che continua anche oggi, come dimostra il fatto che il neo-acquisto Esposito ha ammesso di aver ricevuto consigli e belle parole proprio dall’argentino, compagno per qualche settimana nel ritiro estivo del Crotone, sul Catania.

Proprio in occasione della conferenza di presentazione del terzino e del racconto di questo piccolo retroscena avvenuto prima della firma con i rossazzurri, Pietro Lo Monaco ha voluto raccontare un breve aneddoto sull’ex capitano del Catania: “Per me Izco è stato come un figlio, anche se non ci sentiamo da un po’. Ricordo che un giorno a Buenos Aires dovevo andare a vedere una sua partita e c’era stato un forte temporale, a tal punto che era difficoltoso anche arrivare in auto. Il campo era allagato, si giocò, lui mi piacque e lo presi, anche se gli dissi che difficilmente sarebbe stato titolare. Sappiamo tutti invece come è andata. Lui poi è una persona che ci tiene molto e che lotta tanto, l’unica cosa ricordo che dopo la vittoria in un derby contro il Palermo si comprò una Lamborghini e io dovetti rimproverarlo (ride ndr)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *