In tour “Voce del Verbo Amare” di Valentina Mammana

È tornata in tour “Voce del Verbo Amare” di Valentina Mammana, dopo aver toccato Milano, in febbraio, Malta in marzo, Firenze, attualmente in mostra nella Galleria Puzzle, Roma con “Zago and your Friends”.

Bueu 1Con opere nuove di zecca che pur mantenendo lo spirito e il linguaggio della collezione “Voce del Verbo Amare”, ne danno una reinterpretazione fresca ed accattivante, l’artista Valentina Mammana è stata protagonista della Mostra “Confluencias del Arte” a Bueu, dal 3 al 23 luglio scorso.

La splendida cittadina nella Regione spagnola della Galizia, che tra le sue attrattive ha le bellissime spiaggie, ben 24, e l’Isola di Ons che appartiene al Parco Nazionale delle Isole Atlantiche, è dunque stata sede di questa esposizione nella Sala Amalia Domínguez Búa. Con Valentina Mammana in mostra anche le opere di Esther Tenedor Solsona e Sebastià Badia.

È tornata in tour “Voce del Verbo Amare” collezione 2017 dopo aver toccato Milano, in febbraio, Malta in marzo, Firenze, attualmente in mostra nella Galleria Puzzle, Roma con “Zago and your Friends”, e pronta ancora a salpare per altri lidi. Ogni singola esperienza in giro per il mondo dona nuova linfa e creatività all’artista che a sua volta porta e sparge il verbo delle sue opere caratterizzate dalle inconfondibili incisioni, dai colori e dalle parole poste con un preciso senso sulla tela.

Vale Bueu 2

Rientrata nella sua Noto, oggi Valentina Mammana commenta così la Mostra di Bueu: ” Ancora una volta è stata un’esperienza unica. Confluenze d’Arte non è stata solo un’esposizione, ma un incontro di tre anime, libere di essere e di esprimersi. Quando ti confronti all’estero con realtà diverse da quella in cui vivi, vieni rapito dall’entusiasmo della gente che guarda le tue opere estasiata, e a tratti ti viene anche il dubbio che le opere siano tue… Quest’ultima collezione nasce da una rabbia interiore e alla ricerca di una serenità artistica; perché creare in un luogo (la mia città) che non senti più tuo, non è cosa facile… Ho realizzato 10 opere in 10 giorni, ho fatto colazione, pranzo, cena, ho vissuto, ho respirato con loro, ho attraversato i miei ultimi mesi in giro per il mondo, dove più volte mi sono ritrovata a osservare dall’alto il Canale di Sicilia. E guardando quella distesa di blu è maturata la voglia di rappresentare il mare; il mare che dà e toglie, il blu e tutte le sue sfumature. Quel blu che è il colore dell’anima e dalla mia anima, così è nata “Voce del verbo aMARE”…e poi il mare di Bueu, città che ha ospitato le mie opere, è stato emozionante in maniera diversa questa esperienza, perchè non l’ho vissuta da protagonista, ma come una del pubblico, e così mi sono goduta gli sguardi, le parole e i gesti delle persone, è stato divertente vedere la gente che si faceva i selfie con le mie opere… Ma la cosa più bella è stato condividere questa esposizione con artisti del calibro di Sebastian Badia e soprattutto con la mia sorella nell’Arte Esther Tenedor con cui in meno di un anno abbiamo vissuto tre momenti importanti Hordt (Germania), Milano e Bueu (Spagna), condividere con lei queste esperienze sono sempre un momento di crescita. E poi ancora sento echeggiare nella mia testa le bellissime parole che la Presidente della Federaciò Catalana Catifaires, Vicenta Pallares Castello e la Presidente dell’Asociacion de la Alfombra de Bueu Carmen Santos Cidras hanno speso per me come persona e come Artista, difficilmente le potrò dimenticare…Ringrazio coloro che hanno voluto fortemente lì le mie opere e la mia arte, sia pittorica che effimera, il loro affetto e stima li porterò per sempre nel mio cuore!!! Adesso mi preparo per NotArte e poi nuove esperienze internazionali mi aspettano”.

“Confluencias del Arte” è stata organizzata da “Concello de Bueu Cultura“, “Asociacion Alfombra Bueu” e “Federacio’ Catalana de Catifaires

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *