Aci Trezza: Isola Lachea connessa grazie ai radioamatori

Anche quest’anno l’Isola Lachea, l’area protetta gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania, è stata collegata via etere grazie a Salvatore Scirto

foto

Anche quest’anno l’Isola Lachea, l’area protetta gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania, è stata collegata via etere grazie a Salvatore Scirto, presidente della sezione Ari Radioamatori Acireale. Ben 251 i collegamenti registrati con radioamatori italiani, europei e addirittura uno speciale con una stazione in America distante oltre 10mila chilometri.

Il radioamatore acese, grazie alla collaborazione del direttore della riserva naturale Domenico Catalano, ha allestito una postazione sulla sommità dell’isolotto connettendolo col resto del mondo. Al tempo stesso l’area protetta sarà promossa tra i contatti ricevuti tramite una cartolina dell’Isola Lachea. Il tutto nel rispetto dell’ambiente visto che l’Isola Lachea è censita dall’organo internazionale dei radioamatori come S004, EU-166 e per il diploma dei parchi IFF-0428.

Proprio lo scorso anno l’area protetta di Aci Trezza è stata promossa e valorizzata grazie all’Italian Flora Fauna Award, lo speciale diploma rilasciato dalla sezione Associazione Radioamatori Italiani di Mondovì nel cuneese.

Il diploma – patrocinato dal World Flora Fauna e adesso anche a livello internazionale grazie al WorldWide Flora & Fauna – è finalizzato alla valorizzazione e promozione dei parchi nazionali e regionali, delle riserve naturali e della aree naturali riconosciuti dal ministero dell’Ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *