Conclusione della “Festa Boccavento 2017” a S.Teresa di Riva

Al Palazzo della Cultura di S. Teresa di Riva, venerdì 30 giugno, si è svolta la Festa del Boccavento 2017 ovvero l’evento conclusivo del V anno di attività del Caffè d’Arte “Il Paese di fronte al Mare” alla presenza dei fondatori del sodalizio culturale, Melina Patanè, Antonello Bruno e Gabriele Camelia. 

19399723_10209891884474642_6277312717785850460_n

Al Palazzo della Cultura di S. Teresa di Riva, venerdì 30 giugno, si è svolta la Festa del Boccavento 2017 ovvero l’evento conclusivo del V anno di attività del Caffè d’Arte “Il Paese di fronte al Mare” alla presenza dei fondatori del sodalizio culturale, Melina Patanè, Antonello Bruno e Gabriele Camelia. Entrando nel merito della premiazione, sono stati in primo luogo premiati i finalisti del Concorso di pittura, giunto alla sua II edizione, condotto su due manche, secondo la formula del giudizio in diretta. Presenti in gara opere di ottima fattura tecnica e di contenuto. Questi i nomi degli artisti in gara: Fiorangelo Prestipino e Giacomo Sardone; Michele Calabrò, giovane studente di Liceo artistico, al quale è stato assegnato un attestato di merito; Anastasia Klemm, Premio Speciale della Giuria “per aver rivisitato l’immaginario artistico dell’illusione, con uno stile raffinato e personale”; terzo posto al medico Giovanni Pione, pittore e poeta “per aver rappresentato il reale e le sue forme, adoperando il colore per creare un movimento che coinvolge mente e spirito”; secondo posto a Mario Raiti “per aver rappresentato la realtà, utilizzando simboli e metafore, raccontando sulla tela l’eterna lotta tra Bene e Male, con l’utilizzo di forme e colori sapientemente misurati”; infine Primo Posto a Daniela Tania Linguanti con la seguente motivazione “Per aver rappresentato il reale l’immaginario con i colori della spiritualità e le forme dell’onirico, accompagnandole con le tinte poetiche della sua anima d’artista, catturando lo sguardo e coinvolgendo l’anima, in una perfetta sintesi tra tecnica, stile e contenuto”.

Un momento particolarmente atteso e significativamente rilevante è stato la consegna del Premio Boccavento alla Carriera artistica giunto alla terza edizione, le precedenti appannaggio delle eccellenze locali ma di respiro internazionale ovvero Nino Ucchino e Samuele Galeano.

Il Boccavento 2017 è andato conferito all’insigne Maestro Agatino Scuderi, eccellenza mondiale di chitarra classica con la seguente motivazione “Per aver celebrato in ogni Nazione visitata la sublime Musica, essendone fedele ambasciatore della peculiare bellezza e magnificenza, in ossequio al proprio stesso ruolo e all’Italia intera – Per l’amore che riversa in ogni nota e la sacralità che accorda alla sua chitarra – Per rappresentare un modello di artista virtuoso e spiritualmente nobile – Per aver infine elargito il suo eccelso talento al nostro Paese di fronte al mare, nei lunghi anni di collaborazione col Caffè d’arte, rappresentando per tutti un modello e un punto di riferimento per i grandi valori di umiltà, disponibilità, oblatività, condivisone artistica ed umana“.

19510142_10209383022748364_7166751394713280563_n

L’opera intitolata “Segno di nota”, impegno dell’artista Ivan Spanò, in collaborazione con l’ideatore grafico Carmelo Spinella, è stata coralmente consegnata al M° Scuderi, il quale ha poi ricevuto l’omaggio musicale del figlio Giuseppe con il soprano Muriel Giannini, oltre che della chitarrista Gloria Pafumi e del soprano Ludovica Bruno. Attestati di ringraziamento con omaggio delle opere dell’artista Schiavone, che riproducono le copertina ufficiale del Caffè d’arte, sono andate alla fotografa Katia Rigano e al grafico pubblicitario Vito Pellizzeri Pisto. La serata è giunta al culmine con la proclamazione dei vincitori della IV edizione del Concorso nazionale BOCCAVENTO per la poesia; tanti “i Poeti di fronte al Mare” premiati secondo il regolamento previsto da questa consolidata formula del giudizio in diretta, dalla Giuria di Merito composta da Antonello Bruno, Antonino Smiroldo, Pina Abate, Nina Foti e Franco Campailla; riconoscimenti per i premiati dalla Giuria speciale composta dai fondatori dell’associazione Melina Patanè, Antonello Bruno, Gabriele Camelia. Attestato di merito speciale al poeta santateresino Carmelo Caponiti, Premio “Poeta della memoria”, “per la sua poetica del focolare e del ricordo”; attestato di merito speciale Premio “Poeta oltre lo Stretto” alla poetessa pugliese Valeria Micera di Grottaglie “per una poetica che accomuna la “Terra” come fattore indicativo di ciascuna regione, nel superamento di limiti geografici e culturali”. Ha invece conseguito il Premio della Critica il poeta messinese Giuseppe Anastasi “per aver concepito una particolareggiata analisi sulla natura della poesia…”; ad un altro poeta messinese, Antonio Cattino, il ”Premio Amico Poeta” per il merito di “servire la poesia col massimo impegno intellettuale e spirituale , lo studio delle verità storiche e4 l’approfondimento linguistico della lingua siciliana …”. Al veterano dei poeti del Caffè d’Arte, il liminese (o meglio “Liminotu”) Antonino Rizzo, il Premio Caffè d’Arte, “per aver scelto la Poesia come forma di comunicazione per manifestare la vivacità del suo mondo interiore e la saggezza derivata dagli anni” .

19665444_519178781747422_6554497923042308752_n

Il Premio del Presidente del Caffè d’Arte si è colorato di rosa, essendo stato assegnato alla poetessa catanese Rosalda Schillaci “per la capacità di realizzare in poesia una profonda sintonia tra la sua natura femminile e la femminilità della natura…”. La classifica regolare del concorso di poesia ha premiato i seguenti autori: Terzo posto ex aequo per Davide Caminiti “per una poetica della riflessione che capitalizza l’abilità a rispecchiare emozioni e stati d’animo in un contrastato rapporto con la natura”; terzo posto ex aequo per Carmelo Filippo Mastroeni “per aver realizzato un personale percorso di ricerca poetica per mezzo di una riuscita contaminazione tra stilemi moderni e temi della classicità…”; terzo posto ex aequo al poeta Antonio Voccio “per aver scandagliato gli aspetti controversi dell’animo umano, scomponendo le luci e le ombre che giacciono in fondo alla psiche…”. Secondo posto ex aequo per il furcese Salvatore Cordaro “per l’impegno a sperimentare un versificare moderno…”. Secondo posto ex aequo al poeta di Forza d’Agro, Carmelo Nicita,“per la sensibile capacità a dialogare con l’anima, raccontandola in versi densi di spirituale passione…”.

2

Con la seguente motivazione “per l’uso di una forma poetica scevra da compiacimenti stilistici, in cui la sublimazione di emozioni e sentimenti avviene mediante l’uso di raffinate metafore, a significare l’attenzione della poetessa a quel mondo interiore inespresso, con lo sguardo mai disgiunto da una concreta visione della realtà e della moderna società, a fronte di una personale affinata sensibilità” si è aggiudicata il Primo Posto al “Concorso Boccavento: Il Poeta di fronte al Mare” 2017, la giovane savocese Myriam Informante, personalità artistica multisfaccettata che spazia dalla poesia alla pittura (lo scorso anno suo il terzo posto al concorso di pittura). Attestati di merito semplici agli altri partecipanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *