11 settembre 2001: gli attentati che sconvolsero l’America

Tragico ed indimenticabile evento, fu quello degli attentati alle Torri Gemelle, che avvenne l’11 settembre del 2001 e che cambiò per sempre la vita di tutti gli statunitensi. Esso causò la morte di 2.996 persone (di cui 343 vigili del fuoco e più di 60 poliziotti) e il ferimento di oltre 6.000.

Processed with MOLDIV

Furono complessivamente quattro, gli attentati suicidi architettati dai terroristi di Al-Qaida, movimento terrorista islamico, che a bordo di due aerei di linea, si schiantarono contro le Torri Nord e Sud del World Trade Center (chiamate anche Torri Gemelle o Twin Towers), nel cuore di New York. Subito dopo lo schianto, i grattacieli crollarono, arrecando danno anche ad altri edifici. Un terzo aereo si diresse contro il Pentagono (sede del quartier generale del Dipartimento della difesa), mentre il quarto aereo si diresse verso la Casa Bianca di Washington, ma si schiantò in un campo in Pennsylvania. Le vittime furono soprattutto civili e di diverse nazionalità. Questo evento fu uno dei più grandi casi mediatici mai esistiti, che non solo suscitò paura, ma provocò anche rabbia e shock in tutto il mondo. Gli aerei coinvolti, furono un Boeing 767, il volo American Airlines 11 e 75, United Airlines 175 e 93.

Durante il dirottamento aereo, alcuni passeggeri, con l’uso dei cellulari e di apparecchi radiofonici, riuscirono a mettersi in contatto con l’esterno, spiegando che i terroristi presero il controllo degli aerei e che con l’uso di armi da taglio uccisero alcuni membri dell’equipaggio, tra i quali il comandante del volo 11. Alcuni riferirono pure che gli attentatori possedessero degli esplosivi, anche se nessuna traccia di essi venne poi ritrovata nel luogo degli schianti. La Commissione d’indagini affermò in seguito che le bombe erano probabilmente false.

Le registrazioni della scatola nera del volo 93, dimostrarono che i membri dell’equipaggio, con l’aiuto dei passeggeri, cercarono di riprendere nuovamente il controllo del velivolo, avendo saputo che altri aerei si sarebbero schiantati. L’aereo infine si schiantò nella contea di Somerset, in Pennsylvania alle ore 10:03. L’obiettivo dei dirottatori fu quello di arrivare al Campidoglio di Washington.

images (1)

Tre furono gli edifici del Word Trade Center che crollarono:

La Torre Sud collassò alle 9:59, a seguito dell’incendio causato dallo schianto del volo 175;

La Torre Nord alle 10:28, danneggiando anche la 7 World Trade Center. Gli incendi fecero crollare alle ore 17:20 la Penthouse est. Dopo il collasso degli edifici, vennero avviate delle indagini anche a scopo preventivo, accertandosi soprattutto della resistenza agli incendi. Si affermò, che il 7 World Trade Center collassò a causa di una dilatazione termica causata dai lunghissimi incendi. Il traffico aereo venne indirizzato agli aeroporti di Messico e Canada.

Circa 200 persone saltarono in preda al panico dalle Torri in fiamme, altre si trovarono nelle Torri al di sopra dei punti d’impatto e salirono fino ai tetti degli edifici sperando di essere avvistati dagli elicotteri, che purtroppo non sono mai arrivati non essendoci stato alcun piano di soccorso. Il fumo, inoltre, avrebbe impedito ai soccorritori di procedere al salvataggio.

Morirono 343 vigili del fuoco di New York, 2 paramedici, 23 poliziotti del dipartimento di New York e 37 poliziotti portuali. Solo poche persone furono identificate, all’interno del World Trade Center. Le morti dovute all’inalazione di sostanze tossiche dell’eccessivo fumo, furono numerose. Il danno ambientale non fu da meno, ma fu nascosto per evitare di seminare ulteriore panico tra la gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *