Al Teatro Mandanici con “Un canto mediterraneo”

Tra Comune di Barcellona Pozzo di Gotto e Taormina Arte è stata firmata la convenzione che sancisce il “futuro prossimo” di “Un canto mediterraneo” con la direzione artistica di Sergio Maifredi fissata per il 21 giugno.

9436c6f3-9f81-47b5-9f1b-652938cd0083

Dal Teatro Mandanici ai Teatri Antichi della Sicilia orientale. Da progetto speciale del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto a concerto-evento dell’estate. Dalla standing ovation che ha concluso lo spettacolo sul palcoscenico del Longano alle due date già fissate per agosto (il 3 a Catania e il 7 a Taormina). Tra Comune di Barcellona Pozzo di Gotto e Taormina Arte è stata firmata la convenzione che sancisce il “futuro prossimo” di “Un canto mediterraneo” nell’ambito delle manifestazioni finanziate dall’Assessorato Regionale al Turismo Sport e Spettacolo e finalizzate alla promozione turistica attraverso la circuitazione di produzioni teatrali. Se ne parlerà, nel dettaglio, alla conferenza di presentazione della nuova Stagione fissata per il 21 giugno alle ore 19 nel foyer del “Mandanici”.

Ideato dal direttore artistico del “Mandanici” Sergio Maifredi, “Un canto mediterraneo” vede Mario Incudine alla direzione e alla regia, Antonio Vasta maestro concertatore e Peppe Servillo special guest star. Al loro fianco, in un mix di atmosfere e sound, tre generazioni di artisti per più di cento partecipanti: tra loro, Faisal Taher, Anita Vitale, Stefania Patané, Antonio Puztu, Giorgio Rizzo, Antonio Livoti, Carmelo Imbesi, Carmen Zangarà, Pino Ricosta e Manfredi Tumminello, i quaranta allievi dei tre laboratori (laboratorio di canto, curato da Incudine con Vitale e Patané, laboratorio di percussioni, curato da Rizzo, e laboratorio di zampogna a paru, curato da Vasta), l’Orchestra popolare del Teatro Mandanici composta dal coro di voci bianche “I piccoli cantori” diretti da Salvina Miano, i Visillanti di Barcellona e di Pozzo di Gotto, il grande ensemble di Zampogne a paru, gli organetti di Pippo Benevento e Antonio Merulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *