A Nicosia la mostra di Guido Reni e la magnificente bellezza

Dal 31 maggio al 5 novembre, a Nicosia, nella Chiesa di San Calogero l’evento artistico di “Guido Reni e la magnificente bellezza – Capolavori da Ascoli Piceno”.

conf stampa Guido Reni

È stata presentata alla stampa il 24 maggio, nella sede dell’Assessorato al Turismo della Regione Sicilia, l’evento artistico, “Guido Reni e la magnificente bellezza – Capolavori da Ascoli Piceno”. Il progetto culturale, che verrà inaugurato il prossimo 30 maggio a Nicosia, in prov. di Enna, in Sicilia, nella sede della mostra, la Chiesa di San Calogero, sarà aperta al pubblico a partire dal 31 maggio sino al 5 novembre 2017. Dalla Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, dopo essere stata a Montréal e New York e per la prima volta in Sicilia, in mostra ci sarà l’Annunciazione dipinta da Guido Reni e altre due tele pendant del pittore caravaggesco Giacinto Brandi, il Beato Bernardo Abate e il San Benedetto Abate, provenienti dalla chiesa ascolana di Sant’Angelo Magno. L’obiettivo della mostra è quello di sostenere il territorio marchigiano ferito dall’ultimo sisma, che ha devastato il centro Italia, e finanziare il restauro di un’opera del territorio ascolano danneggiata dal terremoto. Quando l’arte aiuta l’arte ferita a risorgere dalle ceneri di un sisma che ha devastato una parte del prezioso patrimonio culturale italiano. Curatori della mostra Stefano Papetti, direttore della Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, e Antonio D’Amico, ideatore del progetto.

Presenti alla conferenza stampa, l’Assessore regionale Anthony Barbagallo, il Sindaco e l’assessore alla cultura di Nicosia, rispettivamente Luigi Bonelli e Ivan Bonomo, il vice presidente vicario della Confcommercio di Enna, Salvatore Catania, il presidente della delegazione della Confcommercio di Nicosia, Antonio Insinga, il presidente e il consigliere della Proloco di Nicosia, Charlie La Motta e Maria Grazia Castrogiovanni, il progettista dell’allestimento della mostra, Felice Castrogiovanni.

“Sulla scia delle lodevoli iniziative che abbiamo organizzato a Taormina – ha dichiarato Anthony Barbagallo – portando l’Autoritratto di Leonardo da Vinci e L’Ecce Homo del Caravaggio, nell’ambito dell’appuntamento internazionale del G7, continuiamo a sostenere ed accompagnare questi progetti culturali che qualificano fortemente l’offerta turistica della Sicilia. Sono orgoglioso che il Ministero dei Beni Culturali abbia supportato questa iniziativa considerandola un ‘progetto-pilota’ con una matrice fortemente solidale visto che il ricavato sarà destinato ad un’opera colpita dal sisma nelle marche. E sono sicuro che anche a Nicosia, un Comune che offre un immenso patrimonio artistico ed enogastronomico, diventerà tra le mete privilegiate dei tanti turisti provenienti da tutto il mondo che sempre più scelgono la Sicilia”.

“La mostra si inserisce benissimo nella città di Nicosia – dichiarano congiuntamente il Sindaco Bonelli e l’assessore Bonomo – luogo che si presta ad ospitare eventi d’arte e di cultura anche perchè è essa stessa una città con innumerevoli bellezze artistiche e architettoniche. La chiesa che ospita la mostra è un monumento nazionale con il suo prestigioso soffitto a cassettoni.

A Nicosia, infatti, sarà possibile effettuare un vero e proprio percorso artistico grazie ad altre tele di assoluto valore già preesistenti nel comune ennese: ad esempio Jusepe de Ribera, Pietro Novelli

e Salvador Rosa, pittori del 600, oltre agli affreschi di Guglielmo Borremans presso la chiesa di San Vincenzo Ferreri. Senza dimenticare il soffitto ligneo a capriate dipinto, unico in Europa, presso la magnifica cattedrale di Nicosia”.

 Nell’ambito dell’evento a Nicosia, verrà data l’opportunità alle scuole di potersi fermare dinanzi al capolavoro di Guido Reni per poter disegnare e dipingere i dettagli che gli occhi dei giovani studenti potranno cogliere ed esaltare attraverso le loro capacità. Per l’occasione verranno a Nicosia artisti di fama internazionale che si potranno confrontare con i giovani studenti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *