A Firenze la XXIII edizione con tema “Fiori d’arancio”

La XXIII edizione di Artigianato e Palazzo si terrà a Firenze, dal 18 al 21 maggio 2017, con una nuova selezione di circa 80 artigiani. Tema di quest’anno sarà “Fiori d’Arancio”.

gia

Dopo oltre 23 anni di intensa attività nella valorizzazione delle eccellenze del fatto a mano italiano e internazionale, arriva un altro grande attestato di stima per Artigianato e Palazzo e i suoi organizzatori Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani: da questa edizione la Nando and Elsa Peretti Foundation – fondazione filantropica tra le più importanti in Europa – andrà ad aggiungersi alla Fondazione CR Firenze ed agli altri sostenitori della manifestazione fiorentina come Richard Ginori e Fondazione Ferragamo, consapevoli dell’incredibile valore delle piccole e grandi realtà dell’artigianato Made in Italy.
Il loro contributo sarà di grande aiuto all’organizzazione della XXIII edizione di Artigianato e Palazzo che si terrà a Firenze dal 18 al 21 maggio 2017 con una nuova selezione di circa 80 artigiani, dalla lavorazione della ceramica alla molatura del vetro, dallo sbalzo dell’argento all’intaglio del legno, dalla doratura di cornici alla lavorazione della scagliola e tante altre ancora, ospitati nel seicentesco Giardino Corsini realizzato da Gherardo Silvani, eccezionalmente aperto al pubblico per l’occasione.
Caratteristica di questa manifestazione, che l’ha contraddistinta fin dagli esordi, è di invitare gli artigiani a ricreare un angolo della loro bottega e ad eseguire dimostrazioni dal vivo per far conoscere i saperi e i segreti della lavorazione dei manufatti, l’importanza della loro unicità e irripetibilità, in cui la tradizione dei mestieri storici incontra l’innovazione del design e le nuove tecniche.
Tema di quest’anno sarà “Fiori d’Arancio” per promuovere, in collaborazione con Firenze Convention & Visitors Bureau, divisione Tuscany for Weddings, l’idea che l’artigianato può produrre concretamente un’ampia scelta di manufatti e arredi realizzati a mano per creare le proprie liste di nozze e bomboniere personalizzate, facendo realizzare su misura tutto il necessario per un matrimonio all’insegna dell’unicità.
Tutti i partecipanti alla XXIII edizione saranno quindi invitati a realizzare un oggetto speciale ispirato ai “fiori d’arancio” che sarà il fil rouge che accompagnerà il visitatore lungo il percorso tra i viali e le limonaie del Giardino Corsini, a caccia di idee per comporre una lista di nozze unica e indimenticabile.

Anche “Ricette di Famiglia”, tra le iniziative più apprezzate delle ultime edizioni di ARTIGIANATO E PALAZZO, a cura della giornalista gastronomica Annamaria Tossani, si ispirerà al tema “fiori d’arancio”: quest’anno, al posto delle consuete presentazioni di libri gastronomici, saranno invitati alcuni personaggi a raccontare aneddoti e ricordi speciali legati ai matrimoni. Durante gli incontri, organizzati nel Giardinetto delle Rose, gli chef di DESINARE at Riccardo Barthel (Luisanna Messeri, Arturo Dori, Cristian Giorni, Maria Valiani) riproporranno un piatto del menu del “giorno più bello” degli ospiti coinvolti, con degustazione sui raffinati servizi Richard Ginori.
L’ultimo incontro sarà dedicato alla coppia vincitrice del concorso fotografico “Una torta per sognare. Rivivi l’emozione del tuo matrimonio su Facebook, che sarà invitata domenica 21 maggio ad Artigianato e Palazzo per rivivere insieme al pubblico quel momento speciale e degustare la loro wedding cake riprodotta da un maestro pasticciere.

Blogs&Crafts” concorso ideato quattro anni fa da Artigianato e Palazzo e sostenuto dalla Fondazione Ferragamo, in collaborazione con Starhotels e Source, si sta sempre più distinguendo come una opportunità unica di crescita e di affermazione per i giovani artigiani, che hanno sempre più un ruolo fondamentale nella rivitalizzazione della tradizione italiana, grazie alla sperimentazione di tecniche innovative e alla capacità di anticipare le tendenze contemporanee.
Una speciale giuria ha selezionato, tra le moltissime richieste di partecipazione arrivate anche quest’anno, 10 artigiani under 35 saranno invitati gratuitamente alla manifestazione insieme ad alcuni blogger esperti di artigianato, turismo, moda, lifestyle, che filmeranno e racconteranno il loro lavoro, seguendo live tutti gli eventi e le novità di questa edizione.
Gli artigiani avranno, inoltre, la possibilità di visitare l’Archivio della maison Salvatore Ferragamo, mentre il vincitore del “Premio SOURCE” potrà esporre i suoi lavori alla V edizione della mostra internazionale dedicata al design autoprodotto che si terrà nell’autunno 2017 a Firenze.

Tra i maestri che saranno presenti ad Artigianato e Palazzo  2017 alcune novità eccellenti, come Guia Bartolozzi con la collezione Changing Atmosphere di bottiglie di vino industriali trasformate attraverso il taglio del vetro in vasi unici; i gioielli Cyril et Grenadine, opere in vetro soffiato, porcellana, pietre e argento di Sabine-Laure Giesbert, medico psicologo canadese da sempre impegnata in attività di volontariato, utilizzando i ricavati per finanziare opere e infrastrutture in Africa, Sud America e in paesi afflitti dalla guerra; Zouganista, laboratorio del giovane ebanista giapponese Takafumi Michizuki, tra i protagonisti della prima edizione del concorso Blogs&Crafts nel 2014 con i suoi oggetti di legno intarsiato; Guri I Zi marchio etico di tessuti artigianali per la tavola e la casa realizzati al telaio di legno dalle donne di Guri I Zi, villaggio incastonato fra le montagne albanesi, nell’ambito del progetto di micro-impresa tessile femminile avviato nel 2006 da Idee Migranti Onlus per migliorare la vita delle donne, delle loro famiglie e dell’intera comunità; El Jardi Secret piccolo laboratorio artigianale di Barcellona dedicato al profumo creativo, dove protagoniste sono le materie prime naturali, lavorate seguendo i processi della profumeria tradizionale come “goccia a goccia” e lunghe macerazioni; Lastrucci maestri da oltre 50 anni del commesso fiorentino, compongono con le pietre dure opere d’arte preziose secondo le tecniche medicee; le iconografie di ispirazione bizantina di Nektaria Savioli, che utilizza per le sue opere sacre una tecnica tradizionale risalente al periodo della nascita di Palaeologan, adoperata anche nei monasteri greci; Cecilia Falciai che porta avanti la tradizione di famiglia nella lavorazione della scagliola, sia su ardesia che alla rovescia, e nella tecnica del commesso fiorentino; le creazioni in legno tornito di Ruggero Pallaoro, vasi, sculture, e accessori realizzati con legni particolari di cui ama evidenziare trame e difetti; Studio Calcografico Ippogrifo, nato nel 1977 nell’Oltrarno fiorentino e specializzano in incisioni su metallo e acquaforte; il giovane liutaio fiorentino Tommaso Pedani che lo scorso anno ha partecipato a Blogs&Crafts aggiudicandosi il Premio Perseo per l’artigiano preferito dal pubblico di ARTIGIANATO E PALAZZO, che lo ha ammirato mentre realizzava delicati strumenti musicali.

est

Importanti anche le realtà che da anni rappresentano ad ARTIGIANATO E PALAZZO il meglio della manifattura italiana e straniera, tra cui la Moleria Locchi, che dalla fine dell’Ottocento a Firenze realizza e restaura oggetti in vetro e cristallo; Paolo Penko, che nella sua bottega crea gioielli unici, completamente a mano e nel rispetto dell’antica tradizione orafa fiorentina; le creazioni dei talentuosi allievi di LAO Le Arti Orafe Jewellery School, che ad Artigianato e Palazzo presenterà in anteprima PREZIOSA 2017 – Florence Jewellery Week, evento dedicato al mondo dell’oreficeria, alla ricerca artistica, all’artigianato e al design in programma a Firenze dal 24 al 28 maggio; Tommaso Candria con le sue borse e cinture di paglia intrecciata a mano; Crizu di Cristina Corradi, prima artigiana al mondo a realizzare sculture e accessori piegando pagine di vecchi libri; Fabriano Boutique con i prodotti della storica cartiera marchigiana; Jharberink Porcelain dell’artista e ceramista olandese Jaqueline Harberink con le sue creazioni dal design minimalista ed elegante, fatte non solo per essere adoperate ma anche per trasmettere attraverso il tatto un’esperienza sensoriale unica; D’Ago Cravatte che propone cravatte sartoriali su misura di alta manifattura.

Artigianato e Palazzo, che nonostante gli anni di grave crisi del settore, ha riunito nelle precedenti edizioni oltre 139.000 visitatori, presentato 674 artigiani selezionati in rappresentanza di 149 mestieri diversi, continua a credere nell’importanza del fatto a mano, nella grande tradizione del Made in Italy e nella valorizzazione delle sue preziose espressioni organizzando una manifestazione che permette al pubblico di entrare in contatto diretto con gli artigiani e il loro mondo fatto di piccoli gesti e grandi tradizioni.

In accordo con gli intenti di promozione e diffusione dei mestieri d’arte nel mondo, Artigianato e Palazzo ha anche attivamente contribuito alla candidatura di Firenze come Città Creativa UNESCO per l’Artigianato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *